Una seconda vita: la storia del sig. Roberto

arresto cardiaco storia di Giorgio

Una mattina come tante. Le faccende di case e la spesa insieme alla moglie nel solito supermercato. Quindi il rientro a casa. Ma in garage, mentre si appresta a scaricare i pacchi dall’auto, Roberto accusa un malore. Fa appena a dire alla moglie Wanda che qualcosa non quadra, quando sviene.

Crolla davanti alla donna che reagisce immediatamente: prova prima a schiaffeggiarlo per farlo riprendere. Ma non succede nulla, Roberto rimane a terra esanime: « Ho capito che stava accadendo qualcosa di molto grave. Mi sono messa a cavalcioni e ho iniziato il massaggio cardiaco».

Accanto alla moglie, suo fratello che avverte i soccorsi chiamando il 112. Dalla sede della Soreu del Laghi 118 viene allertata la sede più vicina. È a Sesto Calende, proprio nei pressi dell’abitazione di Giorgio e Wanda. Raccoglie la richiesta di aiuto Angela Cirigliano, infermiera del 118 che parte subito con un volontario del CVA , il Corpo volontari dell’ambulanza di Angera: « Quando siamo arrivati ho sentito distintamente una voce che contava, ritmicamente. Era chiaro che fosse la donna che stava eseguendo il massaggio, sotto la direzione dell’operatore del 118 al telefono – ricorda Angela – Li abbiamo raggiunti e abbiamo allontanato la donna per proseguire».

Viene applicato il defibrillatore che è azionato, ma il cuore di Roberto è ostinato: riparte ma solo per brevi periodi: « Abbiamo dato 9 scariche – ricorda ancora l’infermiera – in un tempo lunghissimo: 50 minuti».

All’arrivo del medico rianimatore, la situazione sembra davvero disperata: quel cuore non ne vuole sapere di lavorare, riparte e si ferma. Finalmente, si riesce a raggiungere una situazione di stabilità: il cuore batte. È il momento di farlo salire sull’ambulanza e inviarlo “in sirena” all’ospedale di Gallarate.

arresto cardiaco storia di Giorgio
( nella foto i coniugi Roberto e Wanda a destra insieme all’infermiera Angela e al cardiologo Giovanni Cianci)

Al Sant’Antonio Abate, Roberto viene accolto dalla dottoressa Colombo della rianimazione diretta dal dottor Bossi : « Era davvero un caso anomalo. Le condizioni erano molto critiche ma non abbiamo mai mollato». Il paziente viene sottoposto a tutti i controlli e viene ricoverato in rianimazione sotto sedazione.

Il giorno dopo, avviene il miracolo:
 « Roberto si risveglia – ricorda la dottoressa Colombo – un po’ confuso, un po’ disorientato ma presente e reattivo».

Il resto della permanenza avviene nel reparto diretto dal dotto Caico, per sistemare e “aggiustare” quel cuore incredibile: « Abbiamo impiantato un defibrillatore capace di intercettare e risolvere i casi di fibrillazione e tre cateteri – ha spiegato la cardiologa Stefania Falcone – È un sistema che è possibile monitorare anche da remoto».

In tutto, la permanenza di Roberto in ospedale dura 15 giorni. Il ritorno a casa mette fine a una storia importante da raccontare: « Un miracolo frutto di una macchina dell’assistenza perfetta dove tutti i tasselli hanno avuto una parte determinante – ha commentato Guido Garzena, responsabile del 118 di Varese – a partire dal massaggio fatto dalla moglie. Reazione, presenza di spirito e poi precisione e puntualità hanno permesso di ottenere un risultato che, tempo fa, sarebbe impossibile raggiungere. Oggi c’è molta più attenzione al tema del soccorso: in questi anni sono state formate all’intervento in emergenza 25.000 persone mentre sono stati collocati 1600 defibrillatori in luoghi pubblici e aperti al pubblico».

Certo, ancora oggi le statistiche parlano di 8/10 casi di successo su 100, ma è un trend in miglioramento e questo anche grazie a una maggiore attenzione: « Ottenere il brevetto per l’uso del defibrillatore è soprattutto una questione di civiltà – ha commentato il direttore generale dell’asse Valle Olona Eugenio Porfido – I giovani vanno coinvolti perché imparino anche il valore di mettersi al servizio degli altri».

condividi con i tuoi amici
ternate calcio blsd

Corsi BLSD per le A.S.D.: Ternatese Calcio Cardioprotetta

Anche l’ASD Ternatese Calcio ha scelto di partecipare ai nostri corsi per BLSD.

Ciò anche per ottemperare al Decreto Ministeriale del 26 Giugno 2017 che sancisce l’obbligo per tutte le A.S.D. di dotarsi di defibrillatore automatico esterno (DAE) e di avere personale formato al suo utilizzo.

Un ringraziamento a tutti voi per aver scelto C.V.A. Angera!

 

condividi con i tuoi amici

CVA AL PALIO DEI RIONI

Oggi pomeriggio 14 settembre 2019 a partire dalle 15:00 il CVA sarà presente in Viale Italia a Sesto Calende con il gazebo promozionale per fornire informazioni su chi siamo e sulle nostre attività. Saremo presenti anche domani 15 settembre 2019 dalle 8:30 per il palio dei rioni fornendo assistenza sanitaria alla manifestazione (ma ovviamente speriamo non sia necessaria…)

Durante la giornata saranno presenti oltre al gazebo promozionale gli istruttori che effettueranno una simulazione di rianimazione cardiopolmonare e utilizzo del defibrillatore da parte di un semplice cittadino oltre a fornire tutte le informazioni sul corso che ricordiamo verrà presentato giovedì 19 settembre alle 20:45 presso la postazione MSA1 di via fontana mora a Sesto Calende.

condividi con i tuoi amici

AMBULANZA IN SIRENA…

Prendo spunto dall’articolo di VareseNews (qui trovate l’articolo) per fare qualche considerazione: Secondo quanto riportato dal codice della strada i dispositivi acustici e luminosi di emergenza (sirena e lampeggianti) sono strumenti che servono per chiedere strada e noi autisti dei mezzi di soccorso possiamo andare in deroga al codice della strada ma sempre e comunque mantenendo una guida prudente. Questo significa che il semaforo rosso deve essere affrontato rallentando e all’occorrenza fermandosi per accertarci che i veicoli che hanno via libera dal semaforo verde ci abbiano visto e di conseguenza ci permettano il transito (stesso discorso vale in corrispondenza dello stop). Dall’altra parte invece chi ha il semaforo rosso, accortosi del sopraggiungere del veicolo in emergenza deve agevolare il transito dello stesso.

In caso di veicolo di emergenza che sta sopraggiungendo mentre state guidando la cosa più semplice per agevolare il passaggio è…. farci capire le vostre intenzioni! Basta poco, rallentate, mettete la freccia e possibilmente non fermatevi in corrispondenza di dossi o curve che, diminuendo la visibilità, non agevolano il nostro passaggio.

Spezzo una lancia a favore degli automobilisti: le auto moderne sono sempre più insonorizzate all’interno e spesso non è facile percepire il suono della sirena…. Invito però tutti gli automobilisti a controllare negli specchietti cosa succede attorno a voi e a prestare la massima attenzione quando guidate!

Qui sotto pubblico un piccolo video per farvi vedere cosa vuol dire guidare in emergenza e trovare davanti qualcuno che non si sposta… (video tratto da Youtube)

condividi con i tuoi amici

Gravidanza a rischio: Trasferimento urgente da Malpensa a Milano

Una giovane donna incinta, la gravidanza a rischio e la necessità di agire davvero rapidamente: questi gli estremi che hanno attivato l’intervento di un aereo Falcon 900 del​ 31° Stormo di Ciampino per trasportare la donna da Cagliari a Milano, per ricevere cure specializzate.

L’operazione, avvenuta nella giornata di martedì 6 agosto, è iniziata con una richiesta di trasporto pervenuta al centro operativo dell’Aeronautica Militare. Il Falcon 900 ha dunque lasciato Ciampino per raggiungere l’aeroporto di Cagliari-Elmas, dove ha imbarcato la donna, il marito e l’equipe medica per poi decollare in direzione Malpensa: lì ad aspettarli c’era un’ambulanza del CVA di Angera – ANPAS Lombardia, pronta per il trasporto verso l’Ospedale dei Bambini “Vittore Buzzi” di Milano. La donna, ventisettenne, si trovava infatti in pericolo di vita e con rischi per la gravidanza.

fonte: Varesenews

condividi con i tuoi amici

La Camera approva: diffusione capillare defibrillatori in luoghi pubblici e mezzi di trasporto!

La Camera ha approvato all’unanimità, con 502 voti, la proposta di legge per favorire la diffusione dei defibrillatori anche in ambienti extraospedalieri, come gli scali e i mezzi di trasporto aerei, ferroviari e marittimi. Il testo passa ora all’esame del Senato per il via libera definitivo.

“Bene il voto di Montecitorio sulla proposta di legge per i defibrillatori. Su temi così importanti è bello essere uniti: al ministero della Salute abbiamo stanziato oltre 2 milioni per dotare le strutture pubbliche di defibrillatori e presto con la Rai lanceremo una campagna di sensibilizzazione di primo soccorso”. Lo afferma il ministro della Salute, Giulia Grillo, commentando il voto della Camera.

Un ulteriore piccolo passo verso un Paese sempre più capillarmente cardioprotetto!

E tu sai già usare un defibrillatore? Vorresti partecipare ad un corso per imparare le tecniche di rianimazione e defibrillazione? Contatta i nostri istruttori!

condividi con i tuoi amici

Buon compleanno postazione MSA1!

Era il 2014 e la postazione CVA di Sesto Calende iniziava la sua attività fornendo la figura fel tecnico autista al servizio auto infermieristica di AREU.

Oggi presso la postazione si festeggiano i 5 anni di attività: un traguardo importante che il CVA porta avanti grazie al proprio personale e con l’aiuto dei colleghi delle altre associazioni ANPAS del territorio (perchè noi volontari siamo una grande famiglia indipendentemente dalla divisa che indossiamo).

A fare gli auguri alla postazione oltre ai nostri volontari erano presenti le amministrazioni di Sesto Calende e dei comuni limitrofi, le forze dell’ordine e le consorelle.

La Sig.ra Somaini, coordinatore infermieristico del servizio 112 ha ricordato l’importanza della postazione: un soccorso sanitario professionale gestito da un infermiere con il supporto del tecnico che permette di svolgere più di 1000 interventi annui a supporto delle ambulanze presenti sul territorio.

Nei prossimi giorni pubblicheremo una gallery dell’evento.

condividi con i tuoi amici